Molto spesso (diciamo nel 95% dei casi – sconvolgente!) ci è capitato di affrontare lavori in cui il Cliente non aveva la ben minima idea degli obblighi che la normativa gli impone, soprattutto in merito agli obblighi connessi alla normativa sulla sicurezza nei cantieri temporanei e mobili.

Il riferimento normativo è il d.lgs. 81/2008 ossia il cosiddetto Testo Unico per la Sicurezza che negli anni è stato oggetto di numerosissimi aggiornamenti. Per quanto riguarda il ruolo del Committente si inizia subito con l’art. 90 che impone una serie di obblighi di
non poco conto.

Tra questi troviamo:

1. la nomina del Coordinatore della Sicurezza per la Progettazione (CSP), nei cantieri in cui è prevista
la presenza ANCHE NON CONTEMPORANEA di più imprese esecutrici; tale figura va quindi
designata già al momento dell’affidamento dell’incarico di progettazione dell’opera ossia molto
prima di avviare i lavori!

2. la nomina del Coordinatore della Sicurezza per l’esecuzione (CSE), nei cantieri in cui è prevista la
presenza ANCHE NON CONTEMPORANEA di più imprese esecutrici, PRIMA dell’affidamento dei
lavori; tale nomina può avvenire anche a lavori iniziati nel momento in cui, dopo l’affidamento dei
lavori ad un’unica impresa, l’esecuzione dell’opera o parte di essi sia affidata a una o più imprese;
tale obbligo però non è previsto per LAVORI PRIVATI non soggetti a permesso di costruire e
comunque di importo inferiore ai 100.000 euro;

3. la comunicazione alle imprese dei nominativi del CSP e del CSE: non lo fa nessuno ma è importante che tale comunicazione venga formalizzata per iscritto!

4. La trasmissione del Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC) alle imprese (se è stato nominato il CSP il piano di sicurezza e coordinamento va trasmesso già in fase di richiesta dell’offerta);

5. la Verifica dell’Idoneità Tecnico-Professionale delle imprese anche nell’ipotesi di affidare il lavoro a
un’unica impresa o lavoratore autonomo;

6. la richiesta alle imprese di:

6.1 una dichiarazione sull’organico medio annuo, distinto per qualifica, corredata degli estremi delle denunce dei lavoratori effettuate all’INPS, all’INAIL e alle Casse Edili;

6.2 una dichiarazione sul contratto collettivo stipulato dalle organizzazioni sindacali e applicato ai lavoratori dipendenti;

7. trasmette, prima dell’inizio dei lavori, la Notifica Preliminare agli organi competenti (ASL e Direzione Provinciale del Lavoro); copia della notifica viene trasmessa anche alle amministrazioni concedenti (es. il Comune) quando vengono richiesti titoli abilitativi per l’esecuzione dell’opera. La materia come si vede è piuttosto complessa e articolata ed è per questo che difficilmente i Clienti sono a
conoscenza di detti obblighi. Ma la Legge, come è noto, non ammette ignoranza ed è per questo che il Committente può delegare praticamente tutti gli obblighi a suo carico a un Responsabile dei Lavori che lo rappresenti e che sia, possibilmente, in possesso di requisiti professionali o comunque di conoscenze tali da consentire il puntuale e organico adempimento di tutti gli obblighi nel rispetto della normativa e della tutela della salute dei lavoratori.

Ing. Francesco Gallo